Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Le novità sui bonus edilizi: proroghe e semplificazioni al centro dell’attenzione

Scopri le ultime modifiche che riguardano i bonus edilizi, tra proroghe e facilitazioni per contribuenti e amministratori di condominio.
  • La proroga della scadenza per la comunicazione delle opzioni di cessione del credito e sconto in fattura è stata spostata al 4 aprile 2024, offrendo più tempo per la gestione delle opzioni disponibili.
  • Introduzione di semplificazioni per gli amministratori di condominio, con l'esonero dall'invio dei dati per le spese comuni del 2023, a patto che tutti i condomini optino per la cessione del credito o lo sconto in fattura.
  • Sul mercato Si bonus, un credito da Superbonus viene acquistato con uno sconto medio del 19,6% sul credito, mostrando una condizione di mercato meno favorevole per i contribuenti.

Il mondo dei bonus edilizi è in costante evoluzione, con l’obiettivo di rendere sempre più accessibili le agevolazioni per i contribuenti e semplificare gli adempimenti per gli amministratori di condominio. Le ultime novità riguardano la proroga delle scadenze per la comunicazione della cessione del credito e dello sconto in fattura, oltre a una significativa semplificazione per gli amministratori di condominio in caso di opzione unanime per la cessione del credito o lo sconto in fattura da parte dei condòmini.

La proroga per la comunicazione delle opzioni di cessione del credito e sconto in fattura

Una delle novità più rilevanti per i contribuenti riguarda la proroga della scadenza per la comunicazione all’Agenzia delle Entrate delle opzioni dei bonus edilizi (sconto in fattura o prima cessione del credito) relative alle spese sostenute nel 2023, nonché per le rate residue non fruite delle detrazioni riferite alle spese sostenute negli anni 2020, 2021 e 2022. Inizialmente fissata al 16 marzo, la nuova scadenza è stata spostata al 4 aprile 2024, offrendo così ai contribuenti e ai loro intermediari più tempo per individuare soggetti cessionari disponibili ad acquistare i crediti.

Questa proroga è stata accolta con favore dalla Fondazione nazionale dei Commercialisti, che aveva avanzato la richiesta al fine di esplorare con tempi più congrui le possibilità di cessione dei crediti. Salvatore Regalbuto, consigliere tesoriere e delegato alla fiscalità del CNDCEC, ha sottolineato l’importanza di questa proroga per consentire una gestione più flessibile delle opzioni disponibili.

Semplificazioni per gli amministratori di condominio

Un’altra significativa novità riguarda le semplificazioni introdotte per gli amministratori di condominio. L’Agenzia delle Entrate ha stabilito l’esonero dall’invio dei dati relativi ai bonus edilizi per le spese sostenute sulle parti comuni degli edifici residenziali nel 2023, a condizione che tutti i condomini abbiano scelto la cessione del credito o lo sconto in fattura. Questa semplificazione riduce notevolmente gli adempimenti a carico degli amministratori, facilitando la gestione delle pratiche relative ai bonus edilizi.

Tuttavia, è importante sottolineare che, in caso anche solo di un intervento per cui un condomino abbia optato per la detrazione diretta, l’esonero non si applica. In tale scenario, l’amministratore di condominio è tenuto a inviare le informazioni relative a tutti gli interventi effettuati nell’anno precedente, compresi quelli per i quali è stata esercitata l’opzione per la cessione del credito o per lo sconto in fattura.

Le sfide del mercato e le alternative per i contribuenti

Nonostante le proroghe e le semplificazioni introdotte, i contribuenti si trovano di fronte a sfide significative nel cercare di cedere le detrazioni del Superbonus e delle altre agevolazioni edilizie. Le condizioni di mercato non sono più così vantaggiose come in passato, con le banche che hanno ridotto significativamente l’acquisto di crediti e il mercato extrabancario che offre condizioni meno favorevoli.

Sulla piattaforma Si bonus, ad esempio, un credito da Superbonus viene acquistato con uno sconto medio del 19,6% sul credito, significativamente inferiore rispetto alle offerte delle banche a fine 2023. Questo rende la cessione del credito meno conveniente per i contribuenti, che potrebbero considerare l’opzione della detrazione diretta sulla dichiarazione dei redditi come alternativa, sperando in ulteriori agevolazioni da parte del Governo per la spalmatura del credito.

In conclusione, le novità introdotte dall’Agenzia delle Entrate rappresentano passi importanti verso una maggiore flessibilità e semplificazione degli adempimenti legati ai bonus edilizi. Tuttavia, le sfide del mercato richiedono ai contribuenti di valutare attentamente le loro opzioni, considerando sia le opportunità offerte dalle proroghe sia le condizioni economiche attuali.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *