Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Importante: nuova legge di bilancio 2024 facilita i pignoramenti—ecco cosa cambia

La legge di bilancio 2024 introduce semplificazioni per l'accesso dell'Agenzia delle Entrate ai conti correnti, rendendo le procedure di pignoramento più veloci ed efficaci.
  • La legge di bilancio 2024 permette all'Agenzia delle Entrate di consultare i conti correnti per verificare la disponibilità di fondi sufficienti al saldo dei debiti fiscali.
  • Le nuove norme rendono le procedure di pignoramento più veloci ed efficaci, riducendo il rischio di elusioni grazie all'uso di strumenti telematici.
  • Nel 2022 sono stati effettuati 256mila pignoramenti, ma le inefficienze procedurali hanno impedito il successo di molte operazioni.

La recente modifica alla legge di bilancio 2024 ha introdotto significative semplificazioni per l’accesso dell’Agenzia delle Entrate ai conti correnti dei contribuenti italiani. Questa misura, parte del disegno di legge di bilancio approvato dal Consiglio dei Ministri, ha suscitato ampie discussioni. Nonostante le rassicurazioni del presidente del Consiglio Giorgia Meloni circa la natura delle nuove norme, il testo contiene disposizioni che agevolano le procedure di pignoramento. La nuova legge di bilancio stabilisce che l’Agenzia delle Entrate possa consultare i conti correnti dei cittadini per verificare la presenza di fondi sufficienti al saldo dei debiti fiscali. Se viene rilevata la disponibilità necessaria, l’ente fiscale ordinerà alla banca di procedere al pagamento, notificando il debitore entro trenta giorni.

Facoltà dell’Agenzia delle Entrate e Nuove Procedure

L’Agenzia delle Entrate ha da anni la facoltà di pignorare i conti correnti in base a quanto stabilito dal D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, articolo 72 bis. Questa normativa permette al fisco di recuperare i crediti imponendo al debitore di pagare direttamente al concessionario, con un termine di sessanta giorni per l’adempimento delle somme maturate. La legge di bilancio 2024 introduce ulteriori facilitazioni per l’Agenzia delle Entrate. L’articolo 23, comma 13 della legge specifica che l’ente può utilizzare strumenti telematici per acquisire informazioni necessarie al recupero delle somme dovute, rendendo le procedure di pignoramento più veloci ed efficaci e riducendo il rischio di elusioni.

Le nuove disposizioni mirano a rendere più efficiente l’attività di riscossione mediante strumenti informatici avanzati. La relazione al testo della manovra ribadisce l’intenzione del governo di incrementare l’efficacia delle azioni di recupero, garantendo maggiori esiti positivi nelle operazioni di pignoramento. Il processo di pignoramento, attualmente complesso e caratterizzato da numerose fasi burocratiche, rallenta le operazioni di recupero crediti. Nel 2022 sono stati effettuati 256mila pignoramenti, ma le inefficienze procedurali hanno impedito il successo di molte operazioni. La riforma mira a superare questi ostacoli, creando un sistema più rapido e meno dispendioso in termini di risorse.

Estensione dei Pignoramenti tra Privati

La nuova normativa apre un nuovo orizzonte nel pignoramento dei crediti presso terzi, in particolare tra privati. La procedura del pignoramento presso terzi, già applicata agli emolumenti dei dipendenti degli istituti bancari, è stata recentemente estesa anche ai compensi dei professionisti. I tecnici del Ministero dell’Economia e delle Finanze e dell’Agenzia delle Entrate Riscossione sono al lavoro per riaprire la finestra della rottamazione quater per chi non è vittima di errori materiali o ritardi. La riapertura riguarda i carichi affidati all’agente della riscossione fino al 31 dicembre 2023 e valuta la rottamazione quater per i ripescati.

La fusione dell’Agenzia delle Entrate con l’ex Equitalia, avvenuta tra il 2016 e il 2017, ha rafforzato le banche dati e l’introduzione della fatturazione elettronica ha agevolato l’incrocio delle informazioni. Questo ha permesso ai creditori dei contribuenti che vantano pagamenti da privati di essere inclusi nell’azione esecutrice. L’amministrazione, guidata da Ernesto Maria Ruffini, analizza i fatturati dei soggetti censiti nell’anagrafe tributaria e, se ravvede pagamenti abituali e costanti da parte di privati nei confronti del contribuente moroso, provvede a comunicare i dati anagrafici del creditore abituale, permettendo all’Ader di procedere alla notifica di pignoramento presso terzi.

Chi Rischia il Pignoramento

L’Agenzia delle Entrate ha avviato una nuova fase con l’obiettivo di recuperare crediti applicando la normativa italiana vigente. Il Fisco può bloccare un conto corrente dopo aver notificato il debito, concedendo al contribuente l’opportunità di regolarizzare la propria situazione. Il pignoramento può colpire chiunque abbia debiti verso l’Agenzia delle Entrate e non abbia regolarizzato la propria situazione fiscale. A rischio sono persone fisiche con debiti fiscali non pagati, imposte non versate o sanzioni non regolarizzate, titolari di aziende e persone giuridiche con debiti fiscali, IVA non pagata, imposte sul reddito delle società e contributi previdenziali non versati, professionisti autonomi e liberi professionisti come avvocati, commercialisti, medici e freelance, titolari di partita IVA con imposte non pagate, e associazioni, fondazioni ed enti no profit con debiti fiscali non regolarizzati.

L’Agenzia delle Entrate può pignorare fino al 100% dei fondi presenti sul conto del contribuente debitore, fino all’ammontare del credito vantato dall’Erario. Tuttavia, esistono eccezioni e limitazioni legate alla natura dei fondi depositati, come stipendi e pensioni, che possono essere parzialmente o totalmente esenti dal pignoramento secondo le disposizioni normative. Secondo la legge italiana (articolo 545 del Codice di Procedura Civile), una parte del salario o stipendio di un lavoratore dipendente è esente dal pignoramento. La “cessione del quinto” dello stipendio prevede che una quota limitata (fino al 20%) del reddito netto possa essere pignorata per il recupero di crediti, inclusi quelli fiscali. Le pensioni e altri redditi assimilati, come le rendite previdenziali, godono di una protezione simile, con un limite massimo al pignoramento a seconda della natura e dell’importo del credito vantato dal Fisco.

Bullet Executive Summary

In conclusione, le recenti modifiche alla legge di bilancio 2024 hanno introdotto significative semplificazioni per l’accesso dell’Agenzia delle Entrate ai conti correnti dei contribuenti italiani. Questo cambiamento mira a rendere più efficiente l’attività di riscossione mediante strumenti informatici avanzati, garantendo maggiori esiti positivi nelle operazioni di pignoramento. La nuova normativa apre anche un nuovo orizzonte nel pignoramento dei crediti presso terzi, in particolare tra privati, estendendo la procedura ai compensi dei professionisti. Tuttavia, esistono eccezioni e limitazioni legate alla natura dei fondi depositati, come stipendi e pensioni, che possono essere parzialmente o totalmente esenti dal pignoramento.

Una nozione base di economia e finanza correlata al tema principale dell’articolo è il concetto di liquidità, che si riferisce alla disponibilità immediata di fondi per far fronte agli obblighi finanziari. La liquidità è essenziale per garantire la solvibilità di un individuo o di un’azienda, e la sua gestione è cruciale per evitare situazioni di insolvenza.

Una nozione avanzata di economia e finanza applicabile al tema dell’articolo è il rischio di credito, che rappresenta la possibilità che un debitore non adempia ai propri obblighi di pagamento. Il rischio di credito è un fattore chiave nella gestione delle finanze pubbliche e private, e le recenti modifiche normative mirano a ridurre questo rischio per l’Erario, migliorando l’efficacia delle azioni di recupero dei crediti.

Queste riflessioni ci invitano a considerare l’importanza di una gestione oculata delle proprie finanze e a comprendere le implicazioni delle normative fiscali sulla nostra vita quotidiana.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *