Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Il nuovo scenario degli affitti: tra rialzi e sfide in Italia e Europa

Un'analisi dettagliata sui cambiamenti nel mercato degli affitti e le loro implicazioni
  • L'aumento medio dei prezzi delle locazioni delle case in Italia ha raggiunto il 6,1% tra il 2022 e il 2023, con punte del 10,2% nelle grandi città metropolitane.
  • Il calo delle case date in locazione nel quarto trimestre del 2023 è stato del -4,64% rispetto allo stesso periodo del 2022, evidenziando una riduzione dell'offerta.
  • Negli ultimi 10 anni, i canoni degli affitti in Europa sono aumentati di oltre il 40%, con variazioni significative a seconda della città.

Negli ultimi anni, il mercato degli affitti ha subito variazioni significative, sia in Italia che nel resto d’Europa. In particolare, tra il 2022 e il 2023, i prezzi delle locazioni delle case sono aumentati in media del 6,1% in Italia, con punte notevoli nelle grandi città metropolitane, dove l’aumento medio è stato del 10,2%. Milano si è distinta per aver registrato l’aumento più rilevante, con un +19,2%, seguita da Trieste (+16,4%) e Napoli (+15,8%). Questi dati, elaborati dal Cresme sulla base delle informazioni fornite dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, evidenziano una tendenza all’incremento dei valori di locazione che sembra essere stata innescata dalla crescita dei prezzi per l’intera collettività, in funzione di aspettative di un adeguamento della redditività degli immobili al maggior costo della vita.

Le cause dell’aumento dei canoni di affitto

L’incremento dei canoni di affitto è attribuibile a diverse cause. Una di queste è la riduzione dell’offerta di case in locazione, come evidenziato dalla diminuzione delle case date in locazione, che nel quarto trimestre del 2023 hanno visto un calo del -4,64% rispetto allo stesso periodo del 2022. Un altro fattore determinante è la crescita della domanda, spinta da un’aumentata mobilità dei cittadini, soprattutto in seguito alla pandemia, che ha portato a un diverso approccio al modo di vivere, interessando fasce più ampie della popolazione, in particolare quella urbana. Inoltre, i prezzi elevati delle case in vendita e il rincaro dei mutui, provocato dal rapido aumento dei tassi a partire da fine 2022, hanno reso più arduo l’acquisto di immobili, orientando un maggior numero di persone verso il mercato degli affitti.

Il fenomeno degli affitti a prezzo agevolato e la situazione europea

Nonostante i vantaggi fiscali offerti dai canoni concordati, a Milano solo il 6% delle abitazioni è locato con questa formula, a fronte di una percentuale che a Roma supera il 50%. Questo scarso successo è dovuto principalmente alla diffidenza verso le forme contrattuali previste dalla legge e al timore di inquilini morosi, ma anche al guadagno ritenuto troppo basso rispetto a quello ricavabile affittando a canone libero. A livello europeo, il rincaro dei canoni di locazione si è fatto sentire in quasi tutte le città, con Amsterdam e Milano che si confermano tra le più care. Negli ultimi 10 anni, i canoni degli affitti in Europa sono aumentati di oltre il 40%, con variazioni significative a seconda del tipo di immobile cercato.

Bullet Executive Summary

L’analisi del mercato degli affitti negli ultimi anni evidenzia una significativa crescita dei canoni, sia in Italia che in Europa, influenzata da una serie di fattori quali la riduzione dell’offerta di case in locazione, l’aumento della domanda post-pandemia e le difficoltà legate all’acquisto di immobili dovute all’aumento dei tassi dei mutui. Questa situazione pone in evidenza l’importanza di comprendere le dinamiche del mercato immobiliare e la necessità di politiche abitative che possano rispondere efficacemente alle esigenze di locatari e proprietari. Dal punto di vista finanziario, è fondamentale considerare il concetto di rendimento degli investimenti immobiliari, che può essere influenzato da variabili come i canoni di locazione e i tassi di occupazione degli immobili. Inoltre, un’analisi avanzata potrebbe includere la valutazione del rischio di credito associato agli inquilini, un aspetto cruciale per i proprietari di immobili che intendono affittare le loro proprietà. La situazione attuale stimola una riflessione sulla necessità di equilibri più sostenibili nel mercato degli affitti, che tengano conto sia delle esigenze di chi cerca casa sia delle aspettative di rendimento degli investitori immobiliari.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *